SavonaSavonaFortezza del Priamar
Fortezza del Priamar
   

Al via la sesta edizione della mostra collettiva PriamArt 2017. Sabato 5 agosto, alle 16, nel Salone della Sibilla della Fortezza del Priamàr sarà inaugurata l’esposizione, che quest’anno vedrà la partecipazione di quindici tra i migliori artisti liguri contemporanei e l’omaggio ai maestri Aurelio Caminati e Giannetto Fieschi. L’iniziativa è organizzata da Pietro Bellantone, presidente delle associazioni culturali EventidAmare e Liguria-Ungheria, e curata dal critico d’arte Luciano Caprile, che alla cerimonia d’inaugurazione presenterà il catalogo e gli artisti partecipanti. La mostra sarà visitabile fino a domenica 20 agosto tutti i giorni, dalle 10.30 alle 18.30.

Al termine della presentazione, alle ore 17.30, verrà servito un rinfresco. L’ingresso è libero sino all’esaurimento dei posti disponibili e il catalogo verrà distribuito gratuitamente ai visitatori.

Il percorso proposto quest’anno dalla mostra espone opere di artisti contemporanei e liguri, per nascita o adozione. «Gli stili pittorici e scultorei, le tecniche utilizzate e i soggetti rappresentati sono, come sempre, molteplici, rendendo per questo ancora più interessante il viaggio del visitatore, che potrà contare, tra l’altro, sulla presenza di artisti espositori, che forniranno agli interessati delucidazioni sulle loro opere» spiega Bellantone.

L’edizione 2017 del PriamArt 2017 si apre con l’omaggio a due maestri dell’arte che ci hanno recentemente lasciato, Giannetto Fieschi e Aurelio Caminati; di Fieschi viene proposta Santa Caterina Fieschi, una tecnica mista su tela del 1989, e un’acquaforte del 1973 intitolata Misera carne, mentre di Caminati Le belle Rivière e Diana taurina, datato 1981. Tra le altre opere esposte, troviamo lo stile astratto-informale di Giorgio Angelini, l’Africa di Gianni Carrea, Aurora Bafico e i suoi paesaggi liguri e le figure femminili di Enrico Merli. Protagonisti di PriamArt 2017 anche Stefano Bigazzi, Rosa Brocato, Franco Buffarello, Marina Dagnino Isnaldi, Ida Fattori, Corrado Leoni, Pier Giorgio Leva, Patrizia Targani Iachino, Lucia Termini, Ondina Unida e Agnese Valle.