Ventimiglia, Riviera ligure di Ponente, Liguria
Ventimiglia

Sorge sulla foce del fiume Roia in un'area caratterizzata da una ricca vegetazione di palme e di eucalipti.

Già nella preistoria qui stanziavano gli Intemeli, una tribù ligure che nel 180 a.C. venne soggiogata dai romani. Su questo suolo i nuovi dominatori prima un accampamento militare stabile e quindi una città che chiamarono Albintimilium.

Situata al punto d'incrocio tra la strada costiera e i più importanti collegamenti nord-sud con il Piemonte, la città di Ventimiglia ha sempre avuto un'importanza strategica e nel Medioevo fu a residenza del potente casato dei conti di Ventimiglia.

La città si suddividie in due parti completamente diverse.
Nella piana a est del fiume si trova il centro moderno, dove vale la pena fare una passeggiata tra le ricche bancarelle del mercato coperto in corso della Repubblica e sul lungomare. Ogni venerdì, in occasione del mercato settimanale più grande d'Italia, questa zona della città si anima di vita.
Ad ovest del fume in collina si trova il centro storico. Qui le strette viuzze e le numerose scalinate si inerpicano attraverso edifici centenari.
Per accedere al centro medievale bisogna oltrepassare la Porta Marina, risalente al XVI secolo. Le altre porte della città sono Porta Nuova e Porta Nizza.
Porta Canarda, a doppio arco gotico, è stata eretta nel XIII secolo e fatta restaurare nel 1887 da Sir Thomas Hanbury; costituiva la porta d'accesso occidentale alla città murata, e sotto di essa passava la via Julia Augusta.
Nel groviglio di vicoli si erge la Cattedrale, la cui costruzione iniziò intorno all'anno 1000 e terminò solo nel XIII secolo. Elementi di pregio solo il campanile romanico con successivi rifacimenti barocchi e il portale. L'interno di grande effetto ha invece un'impronta puramente romanica. La cripta della cattedrale risale a un edificio precedente costruito in epoca carolingia.
Vicino alla chiesa si trovani il Battistero del XI secolo e il Monastero delle Canonichesse Lateranensi, fondato nel 1668 sulle rovine del castello medievale dei conti di Ventimiglia.

Percorrendo via Garibaldi si costeggiano la Loggia del Parlamento, risalente al XIV-XV secolo, e l'Oratorio dei Neri (o di San Secondo), un edificio tardo barocco. Infine si giunge in piazza San Michele da dove si può ammirare un indimenticabile panorama sulle montagne e sulla val Roia.
La vicina chiesa di San Michele risale al 1100 e fu la cappella di famiglia dei conti di Ventimiglia.
Vicino alla chiesa, nell'atica cinta muraria, si apre la Porta Piemonte al cui fianco si trova una fontana rinascimentale detta Funtanin.

Salendo da Porta Piemonte si può raggiungere Forte San Paolo, da cui si gode una splendida vista sul litorale. Il forte è stato eretto dai genevesi nel XIII secolo.

Ancora più in alto, a 345 metri, si erge Castel d'Appio. La costruzione anch'essa dei genovesi sorge su fondamenta preistoriche e romane.

In corso Genova, a circa 1,5 km dal centro, si trovano i resti del teatro romano, eretto nel II secolo e con una capienz di circa 5.000 spettatori.

I giardini di Villa Hambury

I giardini Hanbury, voluti e creati da Thomas Hanbury si estendono, sul promontorio della Mortola a pochi passi da Latte, frazione di di Ventimiglia. Un giardino botanico delle meraviglie, baciato dal sole e esaltato dalla grande varietà dei punti visivi valorizzati da una cornice di vegetazione lussureggiante, nella quale la macchia mediterranea si confonde ed associa con le specie esotiche più disparate, una straordinaria raccolta di circa seimila piante coltivate all'aperto.

Balzi Rossi

Il clima temperato e le numerose grotte del tratto di costa da Ventimiglia e Nizza hanno fatto sì che questo fosse uno dei primissimi territori abitati di tutta Europa.
All'interno delle grotte dei Balzi Rossi, nelle immediate viicinanze del confine con la Costa Azzurra, sono state ritrovate ossa umane che risalirebbero a circa 250.000 anni fa.
Nel Museo Preistorico del Balzi Rossi sono esposti utensili fabbricati dall'uomo di Neanderthal e dall'Homo Sapiens, nonché scheletri e foto di pitture rupestri.