Il Confuoco a Savona
   

Dietro la scrivania del sindaco di Genova, a palazzo Tursi, è appesa la famosa Tavola di Polcevera, un bassorilievo in bronzo che narra come nel 117 a. C. gli inviati del Senato romano appianarono le controversie nel territorio di Larvego, l'antico nome del comune di Campomorone, l'antica stazione di posta per il Piemonte che possedeva un torrione quadrato utilizzato come magazzino del sale.
Attorno torre medievale fu costruita nel 1583 dagli spagnoli villa La Saliera e il vasto parco ricco di piante rare. Nel XIX secolo fu edificata villa Maria, un'imponente costruzione a pianta quadrata.
In entrambi gli edifici di notte avvengono fenomeni misteriosi. Si odono pianti e gemiti e apparizioni sepolcrali si intravedono negli angoli più oscuri. Nel 1952 i giovani della classe di leva vollero dimostrare il loro coraggio trascorrendovi la notte a villa Maria. Il mattino seguente un ragazzo era scomparso. Fu ritrovato solo tre giorni dopo nei sotterranei con i capelli completamente bianchi e muto per il terrore. Il giovane non volle mai raccontare quello che era avvenuto e appena gli fu possibile emigrò in Sud America.
Nel 1970 una ragazza perse nel portico di villa La Saliera una sciarpa di seta. Il mattino seguente rinvenne accanto al letto, piegato meticolosamente, un vecchio e lacero sudario macchiato di muffa e terra.