Il Confuoco a Savona

Il pozzo del tesoro ad Arenzano

Nel medioevo Arenzano aveva un pozzo molto profondo e assai ricco d'acqua e capace così di dissetare tutti gli abitanti del borgo. Nel luglio del 1262 la siccità perdurante inaridì il pozzo e quando sul mare all'orizzonte comparvero le vele nere degli sciabecchi, gli arenzanesi decisero di nascondere nelle profondità del pozzo tutti i loro averi più preziosi.
Una volta sconfitti i pirati saraceni, gli abitanti di Arenzano si radunarono nuovamente per reclamare gli ori nascosti, ma nessuno riuscì più a trovare l'accesso al pozzo, così ben nascosto sotto sotto zolle di terra.

Ad Arenzano non si perse mai la speranza di ritrovare il tesoro, tanto che nel XIX secolo era ancora d'uso inserire una clausula nei contratti di vendita dei terreni che riservava al venditore il diritto di reclamare il contenuto del pozzo se questo fosse stato ritrovato.




Potrebbe interessarti anche

Condividi

  • Condividi Visit Riviera su Twitter
  • Condividi Visit Riviera su Facebook
  • Condividi Visit Riviera su Pinterest
  • Condividi Visit Riviera su WhatsApp
  • Condividi Visit Riviera su Telegram